Altre Voci: Alessandro Assiri

Allessandro Assiri è un’altra voce che ha scelto di abbandonarsi alla parola. “In bilico tra la cultura del nulla e il nulla della cultura, trasferisce nella parola il segno di un disagio evidenziando le contraddizioni di una generazione che troppi treni ha perduto per un pelo“. Una parola che ti sferza, ti ferisce, ti taglia a metà e con gli schizzi del tuo sangue fa stupendi quadri astratti. Mi scrisse una volta – l’unica in  cui avemmo modo di comunicare – che i poeti sono “accompagnatori di parole”. Alessandro Assiri le parole le accompagna in una splendida carrozza.


sono poche righe avanti

negli sbagli secondo natura

ogni purezza è lingua di partenza

equivoco di fondo

esempio di lettura

sono poche righe avanti

negli sbagli secondo natura

ogni purezza è lingua di partenza

equivoco di fondo

esempio di lettura

4 thoughts on “Altre Voci: Alessandro Assiri

  1. Mi piace molto il suo stile secco, distaccato, quasi freddo. Mi piace la percezione che ho nel leggere i suoi versi, come se lui non fosse più lui nel momento in cui li scrive; come se la parola si impossessasse di lui. Alessandro è uno di quei pochi poeti a non essere parlato, ma riesce a fare in modo che la parola si serva di lui.

  2. io e te Noa abbiamo la fortuna di comunicare attraverso le nostre percezioni e di provare le stesse passioni.
    Alessandro è una persona unica, rara, è l’anti-poeta che crea poesia di gesti e segni, tracce di un mondo vissuto sottopelle e graffia, sbuccia la parola nel suo “inner sense” fino a coglierne e denudarne l’anima in poche e semplici pennellate.
    è disarmante e lascia attoniti a guardare le lettere e la loro successione tra suono e senso.
    grazie per questa bellissima proposta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *