Giù le mani da Antonio Tabucchi!

Antonio Tabucchi, l’autore di Sostiene Pereira, uno dei più famosi e stimati scrittori italiani nel mondo, è caduto anch’egli vittima dell’ennesima aggressione legale intentata da un politico immunizzato e improcessabile ai danni di un intellettuale che racconta solo ciò che tutti dovrebbero conoscere e sapere. La “colpa” di Tabucchi è stata quella di aver ripreso, in un suo pubblicato il 20 maggio 2008 sull’Unità, le questioni già trattate da Marco Travaglio, duramente attaccato dopo che nella trasmissione di Fabio Fazio “Che tempo che fa” aveva raccontato i trascorsi di Schifani in Sicilia. Travaglio aveva riferito fatti veri, scrive Tabucchi: il futuro presidente del Senato aveva avuto «accertate frequentazioni di personaggi condannati poi per mafia».

Per queste ragioni, Tabucchi è ora costretto ad affrontare una causa civile con la richiesta di un risarcimento record di 1 milione e 300 mila euro intentata – udite, udite – nientepopodimenoche da Renato Schifani: Presidente del Senato nonchè ex avvocato difensore di Lo Sicco, costruttore palermitano e mafioso che costruì il palazzo-covo rigorosamente abusivo in cui trovarono rifugio personalità come Bontade e Brusca, in quel di Piazza Leoni. La stessa piazza da dove sarebbe partita all’alba del 19 luglio del 1992 la Fiat 126 imbottita con 90 chilogrammi di tritolo che ha ucciso il giudice istruttore Paolo Borsellino.

Giù le mani da Tabucchi! Giù le vostre sporche mani dal mio Tabucchi!

FIRMA L’APPELLO


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *