Il silenzio-assenso degli innocenti

Slowforward pubblica il link di un articolo a firma di Vincenzo Ostuni, pubblicato sul Manifesto, il quale pone una serie di quesiti che richiedono risposte, possibilmente serie e che non mendichino giustificazioni imbellettate di retorica.

Il tema che affronta è delicato, come la responsabilità che ha il singolo nei risvolti storici di un popolo. Tema generico e di ampio respiro – peraltro già più volte affrontato in questo blog (qui e qui) – che viene affrontato da Ostuni a partire dal “caso Nori” per poi traslarsi sul “caso Saviano“.

+ =

Ostuni si chiede se non sia il caso che Saviano, difensore del senso di giustizia per antonomasia attualmente in Italia, smetta una volta per tutte di pubblicare per la Mondadori, foraggiando in tal modo le tasche di quel Berlusconismo che da tempo ormai combatte a suon di petizioni e lettere aperte su Repubblica.

Personalmente mi sono già espresso, credo piuttosto chiaramente, in merito. Condivido a pieno le domande di Ostuni, attendo di sentire/leggere le risposte. Nel frattempo mi chiedo anche se la stessa responsabilità che qui è in discussione non appartenga solo agli scrittori ma anche ai lettori. Io credo di si.