Quei suoni che la mano non trattiene

Sospese come sassi sospettosi
stanno strette sulla sottile soglia
del senso che le aspetta sussurrando
son qui.

Si schiudono in un soffio schivo
svolando via se non le sfiori
neanche, ma se le tocchi ti
scavano la schiena oppure ti
sferzano la faccia con una carezza.

Soffocano in gola le sillabe
sedute sul silenzio mentre
sfuggono la voce che soffia un
parlami.

Sfiorita l’ugola dell’appasito canto
straripa la parola in un singhiozzo
con l’inchiostro che scorre dall’occhio
sull’ennesimo foglio di carta.

2 thoughts on “Quei suoni che la mano non trattiene

  1. Sei speciale, sei uno di quei pochi che capisci subito essere destinati a luci diverse.
    Ciò è dovuto ad una miscela di talento e cultura nutrita da una scalpitante sete di conoscenza ed un innato entusiasmo negli occhi.
    certe volte ti leggo (anche commentare in giro) e sorrido, come una mamma sorrido, mi ispiri quel senso materno che è difficile da spiegare, ma vorrei che il mio Rik da grande fosse proprio come te.
    da te mi aspetto moltissimo, so di aver visto lontano.
    tvb

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *