Dialogando sulla soglia

 

(Luigi B.)

(Dalla terra al grano
le radici
aprono una finestra
nel pane: sotto
la scorza, la mollica)

 

Dal cane del vicino impara
a scavare le tue fosse,
come imparasti a pisciare
educatamente
agli angoli della città.
Raspa nella terra
che ospita ora l’acida steppa,
dove un tempo s’ergeva acerbo
il tronco del melo marrone,
con l’aratro che rubasti a tuo padre
– ma senza chiedere.
Tra le pieghe della pietra troverai
le sopravvissute radici
aggrappate alla terra rotta in
zolle: non stringere troppo
se le afferri. Del vento
che t’alza la polvere negl’occhi
non ti preoccupare: qualcuno
chiuderà la finestra per te.

 

(Dal pane al grano
le radici
scavano una finestra
nella terra: sopra
la mollica, la scorza)


 

 

 

Harry Callaham

 

 

 

 

(Silvia Rosa)

Non c’è vento nella notte
quiete troppa, una cortina di silenzi
tessuta insieme di rami secchi
-i miei occhi- e gesti
che scavano l’ombra, fino alla
radice, l’unica, che mi cresce
in grembo di senso -in senso-
come un germoglio minuscolo di luce
tersa, ché non distinguo più il Cielo
dalla Terra dal mio passo dal
ventre che cova le ore dentro
e divarica il tempo tra le cosce
rifiorendomi ogni inverno di freddo

come un bocciolo d’Eterno

sfuggo ribelle alla tua fossa
e in punta di piedi mi sporgo
sull’orlo teso della mia carne
spiccando immobile il volo, (da) ferma,
oltre me stessa, per ritrovarmi
in un’altra tomba di luce
persa, ché non distinguo più il Cielo
dalla Terra dal mio sonno dal
ventre che cova piccola una morte dentro
e spalanca all’Infinito -violandola-
la fessura accennata del tempo.

7 thoughts on “Dialogando sulla soglia

  1. Si, Federica, è vero: lavorare a quattro mani dà risultati che non ti aspetteresti. Non credo che avrei potuto scrivere ciò che ho scritto senza il contributo “indiretto” di Silvia. E credo di poter dire che sia stato lo stesso per lei. Gli altri sono capaci di muovere corde che noi non sappiamo nemmeno dove sono.

    Grazie per il passaggio
    L.

  2. Ho molto apprezzato questa sinergia. Non nascondo che ho sempre sostenuto la scrittura a 4 mani, se così si può definire. Credo nell’interagire delle “voci” e credo ai miracoli che ne possono scaturire. Qui, secondo me, il miracolo è avvenuto ed è veramente piacevolissimo ammirarlo,ascoltarlo,guardarlo come si fa con un bimbo neonato,una creatura. Grazie per averlo proposto. Un caro saluto

  3. Grazie per il passaggio Natalia – si, Silvia è una bella voce.

    E, Silvia, grazie a te per questo “dialogo” 🙂

    Luigi

  4. Cara Natàlia, grazie :-))
    La tua stima mi rende felice, ed è assolutamente reciproca.

    Luigi: grazie per l’opportunità che mi hai offerto di dialogare insieme, attraverso la poesia, mettendo a confronto i nostri orizzonti di senso, divergenti e complementari al contempo.
    Un’esperienza assai interessante :-))

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *