Tag Archives: censura

Boccaccio ’70 – Monicelli, Fellini, Visconti e De Sica contro la censura

[flashvideo file=http://www.stroboscopio.com/wp-content/Video/Boccaccio%2070.flv /]

 

Questo filmato è da intendersi a scopo educativo e senza fini di lucro.

 

È il 1962 e mancano solo sei anni prima che il mondo si riversi nelle strade ed esploda in una rivoluzione globale che si trascinerà per anni. Nel frattempo, quattro tra i migliori registi italiani – Vittorio De Sica, Federico Fellini, Mario Monicelli e Luchino Visconti – preparano Boccaccio ’70: uno scherzo in quattro atti ideato da Cesare Zavattini e prodotto da Carlo Ponti e concettualmente ispirato alle novelle di Boccaccio, che ha come filo conduttore la satira del moralismo e del puritanesimo nell’Italia degli anni sessanta.

Nonostante il tema sia uno solo, risultano evidenti le differenti prospettive attraverso cui viene affrontato da ogni singolo regista, il quale conserva il suo stile ed il suo carattere senza lasciarsi troppo influenzare dalla cornice comune. La disposizione degli episodi, tenendo conto della loro diversità, riesce a determinare un ritmo unico e coerente della corposissima opera (quasi quattro ore di filmati), svolgendo la stessa funzione che ha la copertina di una raccolta di racconti.

La pellicola inizia con l’episodio di Renzo e Luciana, scritto da Giovanni Arpino, Suso Cecchi d’Amico ed Italo Calvino e con la regia di Mario Monicelli. Una coppia di giovani promessi sposi viene raccontata, con realismo narrativo in cornice manzoniana, alle prese con la gestione della loro vita personale e delle loro scelte di coppia e una realtà sociale e lavorativa invadente e spietata che toglie il lavoro alle donne che prendono marito. Un ritratto semplice e privo di straordinarietà, così come lo è lo scorcio di vita reale e quotidiana che racconta.

Con il secondo episodio Le tentazioni del dottor Antonio, dal quotidiano la pellicola salta direttamente al surreale, a firma di Federico Fellini con la collaborazione di Ennio Flaiano e Tullio Pinelli per la sceneggiatura. La storia è quella di un moralista ultracattolico intransigente che, a causa di un manifesto “indecoroso” in cui Anita Ekberg mette a disposizione le sue generose forme per pubblicizzare una marca di latte, giunge alla follia ossessionato dalle sue stesse censure sessuali. Onirico e geniale, Fellini riesce a costruire un episodio di forte impatto sullo spettatore, capace di divertire e di spiazzare allo stesso tempo attraverso il coordinato utilizzo della prospettiva scenica e concettuale.

Il lavoro è il terzo episodio girato da Luchino Visconti. Tratto dalla novella di Guy de Maupassant Sul bordo del letto e sceneggiato da Suso Cecchi d’Amico e Luchino Visconti, l’episodio è una cruda invettiva al mondo altolocato e nobiliare, anch’esso incapace di sfuggire alle censure corrosive che la realtà impone. Visconti racconta, con un realismo scarno e a tratti cinico, un matrimonio di facciata, privo di amore e basato sugli interessi dei coniugi che appaiono, in tale contesto, come due contraenti. Un ricco ed annoiato marito coinvolto in uno scandalo sessuale con delle “squillo da un milione” e una moglie ricca e sola ma innamorata si confrontano. Mentre il primo sembra incapace di agire per un eventuale recupero della situazione, sprofondato com’è nella sua accidia che lo rende indifferente, la seconda sembra decisa a trovare un lavoro per svincolarsi da una condizione che ha intorpidito la sua vita corrompendone i sentimenti. Alla fine, non riuscendo a rinunciare alla sua posizione ed ai suoi agi, propone al marito di essere pagata come fosse stata una squillo, sperando di provocare una qualche reazione o di trovare il compromesso tra un amore parziale ed una indipendenza economica. Troverà invece solo qualche lacrima, molta umiliazione ed un marito entusiasta di prostituire a se stesso la propria moglie.

Il film si chiude con il divertente episodio La riffa di Vittorio De Sica, sceneggiato da Cesare Zavattini. Si cambia totalmente ambiente ed umore: siamo nelle campagne romagole ed una esplosiva Sofia Loren è offerta come premio in una lotteria clandestina. Facce abbronzate, infiammate dal vino e dalla passione, e mani tozze e rugose si agitano nella piazzetta del paesino nell’attesa del vincitore. Esilarante gag di costume che si chiuderà con tanta gente in festa, il vincitore a bocca asciutta e donne alle finestre imprecando contro i mariti ubriachi.

Boccaccio ’70 fu presentato al Festival di Cannes fuori concorso. Quando il produttore, per l’occasione, tolse l’episodio di Monicelli Renzo e Luciana dall’edizione per l’estero, gli altri tre decisero di non recarsi al Festival per solidarietà.

La Repubblica degli inciuci dello stato italiota: Luigi De Magistris incontra gli italiani a Londra.

[flashvideo file=http://www.youtube.com/watch?v=puLLFIN6_Os /]

 

L’analisi di De Magistris sulle condizioni della Repubblica Italiota ha rivelato una lucidità “magistrale”, quella che ci si aspetterebbe da chiunque abbia avuto modo di conoscere da vicino (e dall’interno) il “sistema” di intrecci e inciuci che caratterizza particolarmente lo Stivale. La conclusione a cui l’ex magistrato è giunto è che l’Italia, per interrompere il circolo vizioso che la imbriglia e la tiene perennemente sotto scacco, ha bisogno di affrontare principalmente due questioni: quella morale e quella culturale.


[flashvideo file=http://www.youtube.com/watch?v=p3GVOZGc3Bc /]

 

Nulla da obiettare, ovviamente, sulle affermazioni dell’europarlamentare, le quali non possono che essere condivise. Parole che – come qualcuno ricorderà – furono pronunciate anni or sono dal politico che per primo si accorse dell’importanza di affrontare tali questioni, sottoponendole ai suoi colleghi, ai suoi avversari e all’opinione pubblica di allora: Enrico Berlinguer. Nel 1981, 25 anni prima di De Magistris e 10 anni prima di Tangentopoli, Enrico Berlinguer affermava che

 

“la questione morale esiste da tempo, ma ormai essa è diventata la questione politica prima ed essenziale perché dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilità del paese e la tenuta del regime democratico.


[flashvideo file=http://www.youtube.com/watch?v=01cDwLAcdVY /]

 

Come feci notare al Dottor De Magistris, a denunciare la bizzarra corresponsione tra controllore e controllato, la presenza di interessi privati nella gestione della cosa pubblica ancor prima di De Magistris stesso e di Berlinguer, fu Francesco Rosi. Le mani sulla città è un film datato 1963, e non so se sia più sconvolgente il fatto che il sistema politico italiota di oggi esisteva già 40 anni fa, o il fatto che a soli 10 anni di vita la Repubblica Italiana puzzava di marcio, già preda di quel mercimonio in cui oggi sguazza istituzionalmente. Per spiegarsi come questo sia stato possibile, bisognerebbe andare indietro negli anni e cercare le risposte nella Storia, magari scoprendo che tutto iniziò con la “liberazione” e lo sbarco in Sicilia degli “alleati”. Ma non è questo il momento e il luogo per affrontare un discorso che richiederebbe più di qualche pagina scritta in un blog.

 

[flashvideo file=http://www.youtube.com/watch?v=19pyOKnd6A0 /]

 

A De Magistris feci anche notare come la situazione Italiana somigli molto ad un contrappasso dantesco: come può accadere che la Nazione con la migliore Costituzione al mondo sia, al tempo stesso, quella il cui Parlamento detenga il primato del numero maggiore di rappresentanti di se stessi anziché del popolo, porti il baluardo della connivenza di legalità ed illegalità rispetto a tutto l’Occidente e possieda la classe politica della peggior specie? Una delle due non è vera. La sua risposta è stata: “la storia – come le leggi –  è fatta dagli uomini.  Per questo è importante concentrarsi sulle questioni morale e culturale”. Insomma, la Costituzione Italiana, come si direbbe dalle sue parti (ma anche dalle mie), “è bell’ ma nun abball’”. Si possono avere i colori migliori senza per questo essere in grado di dipingere un’opera d’arte. Ed è vero. Tralasciando, quindi, qualsiasi discorso di filosofia del diritto, non resta che condividere il principio secondo cui ottimi strumenti sono condizione necessaria ma non sufficiente per il raggiungimento di ottimi risultati e che, dunque, rimane la necessità di istruire, parafrasando l’Onorevole (?) Ghedini, “gli utilizzatori finali”di tali strumenti perché siano in grado di ricavare da questi il meglio.

 

[flashvideo file=http://www.youtube.com/watch?v=WRA4849tRbI /]

 

Luigi De Magistris - King's college of London 3Dunque, questione morale e culturale: due rami che germogliano da uno stesso ceppo, e per questo motivo da trattare necessariamente in maniera congiunta, tenendo bene a mente che l’uno influenza l’altro. Per risolvere la questione morale, De Magistris propone un riciclo dell’attuale classe dirigente con una nuova che condivida e soprattutto rispetti e si impegni nel far rispettare quelli che sono i principi fondamentali su cui si basa qualsiasi Stato a cui stiano a cuore i cittadini che ne abitano i territori. Più facile a dirsi che a farsi, visto che bisogna tenere in considerazione che in un sistema dove l’economia ha il primato sulla politica e in cui quest’ultima è al servizio della prima, in un contesto in cui la forza economica di pochi tiene sotto scacco i più che vogliono sopravvivere ed elimina facilmente chi a certe regole si oppone, in un clima ricattatorio di compromessi e scambi, semmai si riuscisse a trovare qualcuno disposto a lavorare il doppio rischiando il triplo sarebbe già un miracolo. Aspettarsi che tenga nel tempo e non rischi di cedere il passo alla corruttibilità credo sia utopico. Non credo, affermando questo, di essere pessimista o disfattista. Ritengo, invece, di essere piuttosto realista. Parliamoci chiaro: nessun imprenditore andrebbe ad investire i suoi soldi in un posto in cui ha la certezza quasi matematica di non ottenere alcun profitto, a meno che non “scenda a patti”. Parlare di costruzione di una nuova classe dirigente nelle condizioni attuali equivale a voler curare un cancro con l’aspirina. Così come un’ottima costituzione non è sufficiente, da sola, a fare in modo che una comunità agisca entro i limiti da essa prescritti, così un’ottima classe dirigente è destinata a fallire quando cerchi di fare imprenditoria in un contesto “ostile”. Come risolvere il problema? Dove cercare l’uscita di questo cerchio che sembra definitivamente chiuso? Come risolvere la connivenza di legalità e illegalità, avvantaggiata spesso dal disinteresse o dal troppo interesse dei cittadini?

Luigi De Magistris - King's college of London 1

Eccoci dunque alla questione culturale. Jimmy Malone, il poliziotto irlandese degli Untouchables interpretato da Sean Connery, dice:

 

“Quando hai paura di incappare in una mela marcia, non devi prenderla dal cesto, coglila dall’albero.”

 

Una perla di saggezza. Perché marci non si nasce, si diventa. E qual è l’albero delle mele acerbe di un qualsiasi Stato, compreso il nostro? La scuola.

Fintanto che i germogli di una società vengono cresciuti nella marcescenza edulcorata che emana dalle aule delle nostre scuole dell’obbligo, fino a quando la Mondadori avrà il monopolio dei libri scolastici, fino a quando ai nostri studenti di Scienze Politiche verrà offerta una conoscenza a crediti e per sommi capi, fino a quando ai nostri studenti di Economia e Ingegneria verrà offerta una cultura di sistema autoreferenziale, fino a che si continuerà a depredare il senso critico delle menti del “futuro della società”, annichilendole per trasformarle in macchine riproduttrici dello status quo, non ci saranno De Magistris, informazione libera, comitati popolari, democrazia dal basso e liste civiche che potranno a tenere il confronto.

 

Se mai un giorno dovesse capitarmi di ascoltare la retorica politichese dei paroloni, che accende gli animi e fa annuire le teste ,dedicata per i tre quarti del discorso all’importanza dell’istruzione anziché all’indottrinamento di una moltitudine di padiglioni auricolari a cui si dice chi sono i buoni e chi sono i cattivi, quel giorno potrei anche ricominciare ad avere fiducia nella politica e nel voto. Potrei anche pensare che chi sta parlando ha davvero voglia di cambiare lo Stato (Italia) delle cose (Italiani). Resto in attesa di quel giorno. Nel frattempo, un grosso in bocca al lupo a De Magistris, sperando sia la volta buona.