Tag Archives: Warmley

Arthur Reid – o: fedeltà

Arthur Reid

La porta del Griffin si aprì alle tre in punto del pomeriggio come tutti i giorni durante gli ultimi settantadue anni.

Fuori, il grigio dell’asfalto si mescolava con quello dell’aria fredda, congedandosi dall’autunno con una spessa coltre di nebbia novembrina.

Dietro la fitta pioviggine inglese, apparve Arthur inzuppato fino agli occhiali, cercando di chiudere il maledetto ombrello prima di entrare nel pub con tutta la fretta che il suo corpo novantenne gli avrebbe concesso.

Senza che l’urgenza di un rifugio alterasse minimamente il suo contenimento britannico, chiuse con premura la porta sulla strada deserta di Wermley, si pulì le scarpe bagnate su uno zerbino che diceva Hello e lasciò l’ombrello a sgocciolare in un angolo di lato all’entrata. Fece tutto con la cura di un uomo diligente che rientra nella sua propria dimora. Dopotutto, il Griffin era stato la sua seconda casa durante più di sette decadi.

Le lenti dei suoi occhiali erano ancora appannate. Per questo, prima di dirigersi verso il suo solito posto, Arthur decise di rimanere sulla porta per non rischiare di inciampare e lì, aspettando senza muoversi gli effetti del calore sulla scena ancora incerta e sui muscoli infreddoliti, si tolse un paio di strati di indumenti che avvolgevano una figura più agile che forte, approfittando di un brivido per scrollare il cappotto.

Fu quando la sua vista tornò lentamente alla normalità che si accorse che tutti erano in piedi, addossati all’ampia vetrina del pub guardando fuori, verso l’altro lato della strada. Continue reading Arthur Reid – o: fedeltà